Legge Sabatini e investimenti nel 2017

Le azioni messe in atto nell’ultima finanziaria combinate ai tassi di interesse rivolti alle imprese attuali rendono gli investimenti realizzati nel 2017 vantaggiosi come non lo erano da diversi anni. La volontà del Ministero dello Sviluppo Economico guarda in prima battuta al miglioramento della competitività delle PMI del settore manifatturiero tenendo conto delle importanti innovazioni tecnologiche etichettate Industria 4.0.

Il cardine di questa spinta agli investimenti è senza dubbio la Legge Sabatini per cui è stata prevista una dotazione finanziaria di 560 milioni di euro. L’agevolazione è rivolta alla Pmi e riguarda gli investimenti sui beni strumentali nuovi (vai all'articolo sui requisiti per accedere al contributo).

Da quando la legge Sabatini è stata riproposta nell’ottobre del 2015 i contributi erogati ammontano a 387 milioni di Euro. A gennaio 2017 è già stato prenotato il 40% delle risorse disponibili per il biennio 2017 - 2018. La velocità con cui si sono ridotte le risorse ci porta ad ipotizzare che difficilmente il capitale a disposizione supererà l’estate.

Legge Sabatini leasing 2017 For Group

Novità legge Sabatini 2017

La legge Sabatini è sì un forte incentivo ma non agisce da sola nel rendere il momento attuale particolarmente favorevole agli investimenti. Concorrono infatti anche i tassi di interesse al minimo storico e l’ammortamento maggiorato. Rispetto al 2012 i tassi di interesse sono scesi in modo costante.

In ambito industriale il Mise ha dato particolare peso al concetto di Industria 4.0 prevendendo per gli investimenti che rientrano in tale definizione un ammortamento maggiorato del 250%. Nel rispetto della stessa logica la legge Sabatini prevede un contributo maggiorato del 30% (3,575% rispetto al 2,75%). Per accedere a tale maggiorazione il fornitore dovrà fornire certificazione che il bene venduto rispetti determinate caratteristiche. La tabella con le caratteristiche necessarie non è ancora stata diffusa dal Mise. Molto probabilmente i contributi Mise saranno conteggiati come “conto impianti”, limitando così i benefici dell’iperammortamento, nonostante ciò i vantaggi rimangono consistenti.

Cosa fare per chiedere il contributo

Come chiedere l'agevolazione sabatiniPer chiedere i contributi stanziati dalla legge Sabatini è necessario inviare domanda tramite mail Pec al ministero. Per un dettaglio sulle modalità si rimanda all’articolo “Sabatini Ter: la procedura semplificata”.

Come si calcola il contributo

La legge Sabatini prevede un contributo pari all’interesse calcolato, in via convenzionale (piano di ammortamento alla francese) al tasso del 2,75% (3,575% per beni che rientrano nella categoria Industria 4.0) su un finanziamento di 5 anni e di importo equivalente a quello concesso dalla società di leasing aderente all’iniziativa.

Esempio calcolo contributo Sabatini (normale e per beni Industria 4.0)

Ipotizziamo un investimento da 250.000 €.

• Importo operazione euro 250.000,00
• Durata 60 mesi
• Anticipo 10% e Riscatto 1%
• Ipotesi operazione calcolata con tasso medio di mercato 3,30%

Sviluppo leasing tradizionale  
Anticipo 10%  25.000€
Canoni mensili n.59 (4.100,00€ + IVA)  241.900,00 € 
 Riscatto 1%  250,00€
Costo totale   267.150,00€   

Agevolazione Sabatini normale  14.931,80€
Costo finale operazione 252.218,20 €

Agevolazione Sabatini Industria 4.0 19.411,34 €
Costo finale operazione 247.738,66 €

In questo caso l’investimento con la legge Sabatini fa risparmiare circa 15.000,00€ con un’incidenza di costo dell’operazione finanziaria di circa 2.200,00€ di interessi in 5 anni. Nel caso di investimenti su beni strumentali conformi alle caratteristiche Industria 4.0 l’agevolazione permette di coprire anche una parte dei costi sostenuti.

Il contributo Sabatini viene erogato annualmente a rimborso degli interessi ed è possibile utilizzare l’agevolazione anche per autocarri.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Newsletter leasing e finanziamenti veneto
 
 

Salva

Salva

Salva

Leasing consulenza For LeaseCHIEDI UNA CONSULENZA

Salva

Questo sito utilizza cookies. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookies. Gli interessati potranno richiedere la modifica, l'aggiornamento o la cancellazione dei propri dati ed in via generale esercitare i diritti di cui al D.Lgs. nr. 196/2003 inviando una e-mail a: info1@for-group.it