Agevolazioni leasing strumentaleLe agevolazioni per il Leasing strumentale. E rimanere competitivi all’inizio della ripresa

Nel 2015 i distretti industriali italiani hanno raggiunto la quota di 94,6 miliardi di euro di esportazioni; più del doppio rispetto all’inizio della crisi nel 2009. La spinta all’export parte dalle medie imprese che trovano nell’Europa il mercato di sbocco principale (con il 60% della quota totale (di cui la Germani con il 7%), seguita poi dagli Stati Uniti con il 10% e la Cina con il 3%. Un dato ancora più significativo è l’avanzo commerciale a favore del made in Italy che tocca quota 62,7 miliardi di Euro1. Questi dati sono segno di come la qualità dei manufatti italiani sia apprezzata non solo nei comparti moda e alimentare, ma anche in quello industriale.

Per le imprese mantenere alta la competitività significa anche rinnovare i propri beni strumentali; operazione non sempre possibile negli ultimi anni a causa della rigidità degli istituti di credito ad erogare finanziamenti, non solo per quanto riguarda il mercato immobiliare. Infatti uno studio della Cgia di Mestre ha evidenziato come tra il 2007 e il 2014, la spese per il rinnovamento dei beni strumentali sia scesa del 28%. In questa situazione di mercato molti hanno deciso di non rinnovare i propri beni strumentali e i due terzi di chi lo ha fatto ha impiegato, volontariamente o meno, la propria liquidità.

A spingere verso un cambio di rotta si sono mosse sia la BCE sia il Mise (Ministero dello sviluppo economico) attuando politiche a favore del credito per le imprese e mettendo sul piatto pacchetti di aiuti a favore del comparto industriale; sforzi che possono risultare insufficienti senza un’adeguata opera di informazione. Infatti uno studio recente del ministero ha evidenziato come meno della metà degli imprenditori sia a conoscenza delle agevolazioni a disposizione.
Per questa ragione il ministero ha reso noto che a breve pubblicherà un manuale che illustri le norme in atto e quelle che verranno riproposte.

Su questo sito potete trovare delle agili descrizioni di quali siano le formule di agevolazione più sfruttate dalle Pmi e che i nostri consulenti propongono sempre di prendere in esame nel momento in cui si valuta un nuovo investimento su beni industriali. Le formule principali sono a nostro avviso il super ammortamento al 140% (dinamica complessa per cui è necessaria la consulenza di un commercialista) e la Nuova Legge Sabatini (di cui il Mise ha annunciato un prossima semplificazione), la quale vale anche per i mezzi di trasporto utilizzati con finalità strumentale (es. camion e trattori stradali). Sempre per agevolare l’accesso al credito riteniamo utile valutare i fondi BEI, la garanzia mcc e gli strumenti assicurativi a favore della protezione dei crediti commerciali.

Fonti
1 - studi di Intesa San Paolo

Salva

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Newsletter leasing e finanziamenti veneto
 
 

Salva

Salva

Salva

Contatto Rapido

Questo sito utilizza cookies. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookies. Gli interessati potranno richiedere la modifica, l'aggiornamento o la cancellazione dei propri dati ed in via generale esercitare i diritti di cui al D.Lgs. nr. 196/2003 inviando una e-mail a: info1@for-group.it