Interventi di finanza straordinaria: mini-bond e ingresso soci in minoranza

In numerose occasioni l’imprenditore si trova di fronte ad un bivio: investire per far crescere la propria azienda o decidere di lasciare le cose come stanno, rischiando alla lunga il declino dell’azienda.

Oggigiorno diventa sempre più difficile ottenere credito presso gli istituti finanziari, spesso anche a causa delle crisi che questi ultimi stanno vivendo, ma esistono sul mercato due alternative al finanziamento bancario di cui vi vogliamo parlare oggi, a portata di mano anche delle piccole e soprattutto delle medie imprese: l’emissione di mini-bond e la ricerca di un socio di minoranza interessato ad un ingresso in aumento di capitale o misto (acquisto ed aumento di capitale).

finanza straordinaria

Si tratta di due alternative molto diverse, ma che vanno prese entrambe in considerazione, perché entrambe costituiscono un’ottima soluzione al problema del reperimento di capitale per lo sviluppo, e pertanto andrebbero entrambe vagliate caso per caso.

Vediamo brevemente quali sono i pro ed i contro di ciascuna di queste soluzioni, riservando alle prossime newsletter eventuali approfondimenti in merito ai requisiti ed alla fiscalità.

L’emissione di un mini-bond

L’emissione di un mini-bond consente di raccogliere finanza ad un costo medio solitamente pari o superiore al 5%, in funzione dello stato di salute dell’azienda e del giudizio che viene dato del piano di investimento e sviluppo. Si tratta di un costo decisamente superiore a quello bancario che determina un appesantimento del conto economico, ed anche del rendiconto finanziario, poiché il capitale va rimborsato, mediamente su di un periodo di circa 6 anni. Il rischio é interamente a carico dell’imprenditore.

Ingresso soci in minoranza

L’ingresso di un socio di minoranza consente invece all’imprenditore di raccogliere il capitale necessario per il piano di investimenti senza ulteriori appesantimenti di conto economico e rendiconto finanziario, oltre che di monetizzare in parte il frutto di anni di lavoro, nell’ipotesi di un ingresso di tipo “misto”. Chiaramente la contropartita é la rinuncia a parte degli utili, e del valore che in futuro verrà realizzato. Si tratta di una soluzione di maggiore complessità, in cui è solitamente necessario stabilire a priori la modalità di una eventuale uscita dell’investitore, o di un suo eventuale incremento di quota e definire un’adeguata corporate governance. Ciononostante, soprattutto nel caso di interessanti sinergie, di natura commerciale, industriale o finanziario, può rappresentare una soluzione più valida dell’emissione di nuovo debito.

Per maggiori informazioni visitate la pagina sulla finanza straordinaria o richiedere il supporto di uno dei nostri agenti vi invitiamo a contattare i nostri uffici di Treviso.

Salva

Salva

Salva

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Newsletter leasing e finanziamenti veneto
 
 

Salva

Salva

Salva

Leasing consulenza For LeaseCHIEDI UNA CONSULENZA

Salva

Questo sito utilizza cookies. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookies. Gli interessati potranno richiedere la modifica, l'aggiornamento o la cancellazione dei propri dati ed in via generale esercitare i diritti di cui al D.Lgs. nr. 196/2003 inviando una e-mail a: info1@for-group.it